978-88-213-0503

Teologia pratica. 4. Identità carismatica e spirituale degli istituti di vita consacrata

MIDALI Mario

  • Codice EAN/ISBN: 978-88-213-0503-0
  • Num. Collana: 177
  • Anno di pubblicazione: 2002
  • Pagine: 232
Seleziona un formato:
Cartaceo: €13.00 €11.05
PDF: €6.99
A seguito del Vaticano II i numerosi e differenti istituti di vita consacrata si sono impegnati nel non facile compito di definire in maniera rinnovata la propria identità carismatica e spirituale. Gli esiti positivi di un trentennale lavoro di discernimento e rinnovamento è confluito nell’esortazione Vita consecrata del 1996, che ha segnato un significativo traguardo circa la comprensione dell’identità dei vari istituti di vita consacrata. Essa, tuttavia, non ha inteso dire l’ultima parola, anzi ha auspicato un ulteriore coraggioso approfondimento.
Sensibile a tale sollecitazione, il presente saggio di teologia pratica concentra l’attenzione su i vari istituti di vita consacrata visti come particolari soggetti dell’azione ecclesiale in ragione di un loro carisma, e si prefigge tre obiettivi di massima: a) favorire una fedele recezione dei considerevoli apporti che, sull’argomento, la riflessione teologica e il magistero recente hanno offerto negli ultimi decenni; b) affinare il linguaggio teologico sul carisma del fondatore, della fondatrice e del rispettivo istituto, in modo che sia il più fedele possibile alla teologia di san Paolo e al magistero conciliare e postconciliare; c) vagliare criticamente i vari approcci di tipo scientifico al fondatore, alla fondatrice e alla rispettiva fondazione, tenuto conto delle vicende storiche, estremamente variegate, che ne hanno segnato la vita e caratterizzato l’identità carismatica.
Ciò si rivela oggi di vitale importanza per affrontare, con la necessaria chiarezza e la speranza di esiti positivi, le sfide lanciate alla vita consacrata all’inizio di questo nuovo millennio: a) la sfida sollevata dal fatto che i contesti occidentali sono sempre più multiculturali e plurireligiosi; b) la sfida dell’inculturazione dei vari istituti in ambienti specialmente dell’Africa e dell’Asia; c) la sfida più radicale ancora della loro bene intesa “rifondazione” diretta a favorire promettenti cammini in atto, ancorché tuttora minoritari. La fedeltà dinamica o creativa al carisma del fondatore, della fondatrice e delle origini del rispettivo istituto si rivela criterio illuminante e assolutamente imprescindibile nel delicato e coraggioso impegno che comporta un’adeguata risposta a tali sfide.