Gratitudine ed educazione. Un approccio interdisciplinare

Gratitudine ed educazione. Un approccio interdisciplinare

MENEGHETTI Antonella - SPÓLNIK Maria (edd.)

  • Codice EAN/ISBN: 978-88-213-0832-1
  • Num. Collana: 28
  • Anno di pubblicazione: 2012
  • Pagine: 302
Seleziona un formato:
Cartaceo: €20.00 €17.00
PDF: €10.99
COD: 0832-1. Categorie: , , .
Gratitudine ed educazione: un legame fondato ed inscindibile.
Il nesso tra i due termini nasce dal fatto che, pur riferendoci all’una o all’altra realtà, in entrambi i casi ci occupiamo di un vissuto genuinamente e squisitamente umano, adatto al singolo e alla convivenza.
Non esiste persona abituata a ringraziare senza esserne stata educata e d’altra parte non c’è educazione vera se non quando la si accompagna – con impegno, gradualmente e fin dalla nascita – alla consapevolezza realistica e salutare che nella vita non tutto è dovuto, non si è autosufficienti, si ha bisogno degli altri, fino a quando non si riconosce che i beni e le conquiste di cui usufruiamo oggi sono frutto di lavoro e di lotta, di studio e di ricerca delle generazioni che ci hanno preceduto e a cui, per questo, dobbiamo riconoscenza.
Per capire che cosa significhi per noi oggi gratitudine è d’obbligo ed inevitabile il confronto con le attuali tendenze antropologiche e culturali.
Il volume offre al lettore la possibilità di rileggere la realtà dell’essere grati in stretta connessione con l’educazione e alla luce di alcuni aspetti emergenti nel contesto culturale attuale.
La questione è accostata da diversi punti di vista. I differenti approcci disciplinari – ognuno con metodo e orizzonte di significato peculiari – contribuiscono a cogliere sfaccettature, risorse e nodi critici dell’esperienza umana dell’essere grati. È questa un vissuto in sé complesso, delicato, misterioso ed arduo, visto e giustificato come realtà squisitamente umana, intrinseca alla natura stessa dell’uomo, ma che necessita di essere educata.
Per questo motivo, al centro di tutta la riflessione e di ogni approccio è posta sempre la persona soggetto di gratitudine, ma anche sua destinataria privilegiata.